AGESCI AGESCI Marche Settore FB Home
 
 
  Storia di Bernadette  
 
"La più povera"

Bernadette è nata il 7 gennaio 1844 a Lourdes ed è stata battezzata il 9 gennaio.
I suoi genitori, Francesco Soubirous e Louise Casterot, abitavano e lavoravano al mulino di Boly; la madre per un incidente non potè allattare la figlia e la mandò da una balia a Bartrès; il padre mugnaio e tagliatore di pietre, cieco ad un occhio, non riuscì a pagare l'affitto del mulino e cadde in miseria fino ad andare ad abitare nella vecchia prigione chiamata "Cachot". Il Cachot ci porta a pensare alle Beatitudini evangeliche; Bernadette non se ne meravigliava e diceva: "E' certo perché ero la più povera che la Vergine mi ha scelto".
Quel 1° febbraio 1858 Bernadette si recò alla Grotta di Massabielle con sua sorella Toinette (in famiglia erano quattro figli) e la loro amica Jeanne Baloume per raccogliere legna e vecchie ossa. Mentre cercava di togliersi le scarpe per attraversare il fiume sentì un soffio di vento e vide in un incavo della roccia: "Una Signora con un vestito bianco, un velo bianco, una cintura azzurra e una rosa gialla su ciascuno dei suoi piedi dello stesso colore della corona del rosario". Questa Signora, o meglio questa fanciulla, le sorrise e allargò le braccia come per farle segno di avvicinarsi chiedendole: "Volete farmi la Grazia di venire qui per 15 giorni?".

I Passi di Bernadette
Bernadette scriverà che la guardava più che poteva. In 18 Apparizioni rivelerà a Bernadette tutto il suo messaggio: "Pregate per i peccatori"..."Baciate la terra in segno di penitenza per i peccatori"..."Andate a dire ai sacerdoti che si venga qui in processione e che vi si costruisca una cappella"..."Non vi prometto di farvi felice in questo mondo, ma nell'altro"...
Infine, il 25 marzo, festa dell'Annunciazione, disse il Suo nome in dialetto dei Pirenei: "Io sono l'Immacolata Concezione". Fin dall'inizio la S. Vergine fece scoprire la sorgente sotto la Grotta dove bisognava andare a lavarsi e dove gli ammalati, da allora sino ad oggi, vi hanno trovato e vi trovano la guarigione.
..."Io sono l'Immacolata Concezione"... Fu questa la risposta che convinse della credibilità delle parole di Bernadette il duro parroco di Lourdes don Dominique Peyramale. Dopo soli quattro anni, il Vescovo di Tarbes (diocesi a cui appartiene Lourdes) dichiarava che la S. Vergine era realmente apparsa a Bernadette Soubirous.
Nel 1864 ebbe luogo la benedizione solenne della statua posta nella Grotta, realizzata dallo scultore Fabish in marmo di Carrara. Bernadette assistette anche all'inaugurazione della "Cappella", l'attuale Cripta. Durante questi anni Bernadette visse presso l'ospizio delle suore di Nevers a Lourdes (l'attuale Ospedale).
I Passi di Bernadette
"Bernadette religiosa, infermiera e malata"
II 2 luglio 1866 Bernadette fece la sua ultima visita alla Grotta. Alla Superiora che la accompagnava disse: "La Grotta è stato il mio cielo, io non la rivedrò mai più". Più tardi aggiungerà: "la mia missione a Lourdes è finita".
Al mattino del 4 luglio partì in treno per Nevers dove vi giunse il 7 luglio verso le 10 della sera. Nel convento di S. Gildard, la domenica dopo pranzo, raccontò, davanti a tutta la comunità, per l'ultima volta, le apparizioni e poi nessuno potè più chiederle nulla.
II 19 luglio le venne data la divisa da religiosa e il nome, quello di battesimo, che fu per sempre "Soeur Marie Bernard". Nei primi giorni del suo noviziato Bernadette disse: "Io sono venuta qui per nascondermi, la Santa Vergine si è servita di me, poi mi hanno messa al mio posto, io ne sono felice e vi resto".
Fu sempre una gioia per Bernadette il potersi donare nell'infermeria del convento al servizio delle suore malate, sempre sorridente. Dopo poco tempo che si trovava a Nevers perse sua madre e poi suo padre. Oltre all'asma, che la affliggeva già da tempo, c'era la tubercolosi che minava il suo corpo ed in maniera particolare i suoi polmoni e le sue ossa; soffrì terribilmente.
Pronunciò i voti, in articolo di morte, una prima volta il 25 ottobre 1866 e le venne amministrato l'olio degli infermi, una seconda volta il 30 ottobre 1867.
Nel 1876, seppur malata, scrisse: "sono più felice io, sul mio letto di dolori, che una regina sul suo trono".
Il "calvario" di Bernadette si può sintetizzare in una frase che lei stessa ha scritto: "Obbedire è amare, soffrire tutto in silenzio per piacere a Gesù è amare".
Dal 1874 al 1879, anno della sua morte, non uscì più dall'infermeria e le sue ultime parole furono: "Santa Maria Madre di Dio, prega per me povera peccatrice...". Aveva scritto un giorno sul suo diario: "Farò tutto per il cielo... Là troverò mia Madre in tutto lo splendore della Sua Gloria". Fu sepolta nel convento S. Gildard nella Cappella di S. Giuseppe, ora è esposta nella cappella del convento.
Nel febbraio del 1907 iniziò il processo informativo delle sue virtù. Durante il processo del 20 agosto 1908, dopo trenta anni e cinque mesi dalla sua morte, fu riesumata la salma e la si ritrovò incorrotta e bella, aveva gli occhi chiusi e le labbra semiaperte atteggianti al sorriso.
II 18 novembre 1923 Pio XI pubblicò il decreto sulla eroicità delle sue virtù: "...Bernadette fu fedele alla sua missione, fu umile nella sua gloria, fu forte nella prova".
II 14 giugno del 1925 fu dichiarata Beata.
L'8 dicembre dell'anno Santo 1933, giorno dell'Immacolata Concezione di Maria, lo stesso Sommo Pontefice la proclamò Santa. Erano presenti 80.000 persone che la invocarono santa e vergine.
Le Apparizioni
febbraio 1858   marzo 1858
Giovedì 11 1ª Apparizione: Lunedì 1 12ª Apparizione
Bernadette vede nella Grotta di Massabielle una Signora tutta vestita di bianco, con una cintura azzurra, la corona del rosario ed una rosa gialla su ciascun piede.
Martedì 2 13ª Apparizione:
Richiesta ai Sacerdoti "La Processione" e "La Chiesa o Cappella".
Mercoledì 3 14ª Apparizione:
Domenica 14 2ª Apparizione
Nuova richiesta della "Chiesa o Cappella".
Mercoledì 17 (Mercoledì delle Ceneri)
Giovedì 4 15ª Apparizione:
Giovedì 18 3ª Apparizione:
Ultimo giorno della quindicina.
Invito a venire per 15 giorni. "Volete Farmi la Grazia di venire qui per 15 giorni ?".
Giovedì 25 16ª Apparizione:
La Signora dice il Proprio Nome:
"QUE SOY ERA IMMACULADA COUNCEPCIOU"
Venerdì 19 4ª Apparizione
Sabato 20 5ª Apparizione
 
Domenica 21 6ª Apparizione
Lunedì 22 (Nessuna Apparizione) aprile 1858
Martedì 23 7ª Apparizione
Mercoledì 7 17ª Apparizione:
Mercoledì 24 8ª Apparizione:
Il "Miracolo della Candela".
Messaggio di preghiera e penitenza dei peccatori.
 
luglio 1858
Giovedì 25 9ª Apparizione:
Scoperta della Sorgente.
Venerdì 16 18ª Apparizione:
Venerdì 26 (Nessuna Apparizione)
Bernadette, dalla Prairie antistante il Gave, vede la Vergine, "più bella che mai".
Sabato 27 10ª Apparizione:
Stesse parole e stessi gesti.  
Domenica 28 11ª Apparizione:
Come il 24 Febbraio.